Privacy Policy
Home > Consapevolezza > Modena a portata di clic

Gugol Ghirlandeina: Fabrizio Annovi e suoi scatti che raccontano la città sui social

“Per me è molto rilassante potere girare liberamente senza vincoli per la mia città, ed ogni volta che effettuo un tour scopro sempre angoli e inquadrature nuove, colori diversi, atmosfere e situazioni inaspettate”. Fabrizio Annovi, classe 1964, da sempre grafico e fotografo, ex studente del Venturi, modenese sia di nascita che di residenza, racconta che attualmente è in mobilità e si dedica alle sue passioni principali: la grafica e la fotografia. “Dopo varie peripezie personali mi sono ritrovato con del tempo libero che ho pensato di impiegare curiosando con la mia Canon per le vie e per i luoghi nascosti di Modena. Ho iniziato a condividere le mie immagini su Facebook ed ho scoperto che molti altri hanno la stesso tipo di interesse: scoprire, vedere, raccogliere, sperimentare con le immagini la città di Modena e i suoi dintorni. Arte e storia si mescolano e si trovano ad ogni angolo e ad ogni via – racconta Fabrizio -. Il soggetto principale (ma per un modenese non può essere diverso) è naturalmente la torre Ghirlandina: cerco sempre angoli o scorci da cui poterne intravvedere almeno un pezzettino. La “pioppa” come la chiama Sandrone, è il simbolo a cui tutti i modenesi di nascita e di adozione si possono e si devono aggrappare, perché rappresenta la storia, il tempo, la forza e l’immagine della città nel mondo. Naturalmente apprezzo e cerco di “registrare” con la mia fotocamera anche tutti gli aspetti di vita e gli ambienti di Modena, dal duomo alle varie piazze, dalle chiese agli avvenimenti importanti che si succedono durante l’anno… Insomma, tutto quello che riguarda la nostra città mi interessa e può fornire nuovi spunti ed idee. Raccolgo e condivido le immagini modenesi nei miei album di Facebook e di Flickr e tutti gli anni cerco di produrre un calendario con le dodici migliori immagini che ho scattato”. Fabrizio ha creato www.gugolghirlandeina.it, una pagina che permette di effettuare ricerche su Google ma attraverso una interfaccia “modenese”. “E’ una pagina a cui ho aggiunto alcuni link diretti ai siti principali modenesi e internazionali e da poco ho anche messo uno slide show dei miei ultimi scatti che rimanda al mio album modenese su Flickr. Per questa pagina collaboro con il famoso sito di GustaModena. Modena è una città molto moderna ma allo stesso tempo “antica” –prosegue Fabrizio -. I pochi cittadini doc sono sempre di meno e volenti o nolenti mantengono nella propria anima uno spirito passato. Se possibile cerco di fermare nel tempo la città come la ritroviamo oggi, sicuro che in futuro tutto sarà cambiato, magari in meglio, ma l’ambiente non sarà più lo stesso. Tra le foto che preferisco ci sono alcuni scorci della Ghirlandina, colti da vie del centro storico, che raccontano di attimi in cui mentre passi, l’occhio coglie inaspettatamente la guglia della torre, attimi che normalmente la quotidiana fretta non ti fa cogliere. Modena penso sia unica perché è aperta a tutto e a tutti – conclude Fabrizio – Ho anche la fortuna di avere una compagna che condivide questa mia passione per la fotografia e che spesso è molto più brava di me, e ciò mi stimola a fare sempre meglio. Il luogo che mi ha più affascinato ultimamente è la cima della Ghirlandina, il piano cosiddetto della “scala elicoidale” che porta sulla guglia. Ho avuto la fortuna di poterla visitare e fotografare e da lassù si ha una visione ed una sensazione particolare ed unica”.

È possibile ammirare il lavoro di Fabrizio su:

www.facebook.com/annovi.frizio – www.flickr.com/photos/annovifrizio/albums