Privacy Policy
Home > A TAVOLA > Idee in tavola

Due gustose ricette per l’inverno suggerite da Giorgia Gandolfi

Risotto con topinambur e funghi prataioli

Ingredienti:
• 360 gr di riso integrale • 350 gr di topinambur • 3 funghi prataioli • 1 spicchio di aglio
• Una manciata di prezzemolo fresco • Pepe nero • Olio EVO • Brodo vegetale
• Un bicchiere di vino bianco bio senza solfiti (se possibile)

Preparazione:
Mettere il riso in ammollo 4 ore prima.
Tagliare i topinambur a rondelle con la pelle, e farli stufare in padella con un goccio di olio Evo e l’aglio tritato, aggiungendo un goccio d’acqua se necessario. Quando sono morbidi spegnere il fuoco. Frullarne la metà con il minipimer e la restante tenere da parte.
Far tostare il riso in padella con un goccio d’olio, sfumare con il vino bianco, aggiungere una parte di asparagi frullati e brodo vegetale (o acqua) mantenendo sempre il riso coperto d’acqua, quando tende ad attaccarsi aggiungere brodo e frullato di topinambur. A metà cottura aggiungere i topinambur tenuti da parte non frullati. Fare battuto di prezzemolo e affettare sottilmente i funghi.
Aggiungere i funghi gli ultimi 10 min di cottura e il prezzemolo e il pepe solo a fine cottura.
Il topinambur è un tubero meraviglioso per il nostro intestino perché è molto ricco di inulina di cui sono ghiotti i batteri “buoni” del nostro intestino, aiuta quindi il riequilibrio della flora batterica intestinale tanto importante per mantenerci in salute! La stagione dei topinambur inizia proprio adesso e li troviamo fino ad aprile.

Vellutata di rape rosse ai chiodi di garofano con grano saraceno

Ingredienti:
• n.3 rape rosse medio-grosse • n.4 rape bianche dal colletto rosso non tanto grandi o rape bianche (se sono grosse solo 2) • n. 2 cipolla tropea media • n.5 chiodi di garofano • 100 gr di fagioli cannellini cotti • 100 gr di grano saraceno in chicchi • 1 C di olio EVO
• Panna di soia bio Provamel • Sale marino integrale q.b.

Preparazione:
Cuocete il grano saraceno a parte in acqua salata (il doppio del volume del cereale) e brodo vegetale per 15/20 minuti, poi scolate.
Pelare le rape rosse e tagliarle a pezzetti, tagliare a pezzetti anche le rape bianche e affettare le cipolle. Mettere il tutto in pentola a cuocere appena coperte d’acqua, aggiungere i chiodi di garofano e cuocere finchè i pezzetti di rapa non sono morbidi .
A questo punto togliere 3/4 mestoli di acqua di cottura e tenerli da parte.
Togliere i chiodi di garofano lasciandone solo uno o due, aggiungere i fagioli cannellini, frullare con il minipimer o qualsiasi frullatore, fino a raggiungere una densità cremosa, se necessario aggiungere un po’ dell’acqua di cottura tenuta da parte.
Aggiungere l’olio, il sale, il grano saraceno cotto, mescolare e servire nei piatti.
Prima di portare in tavola mettere un goccio di panna di soia in ogni piatto partendo dal centro disegnando una piccola spirale.
E’ un piatto molto energetico che scalda in profondità grazie ai chiodi di garofano e alla presenza di due radici yang, inoltre, grazie alla presenza di zolfo sia nella cipolla che nelle rape bianche, depura il fegato e i reni, ha effetto diuretico e dimagrante, utile anche dopo indigestioni e gastroenteriti.
La presenza della rapa rossa la rende un ottimo piatto anche per le persone anemiche, inappetenti, o con insonnia da carenza di ferro.